Roma contro l'Elettrosmog

LETTERA ALLA ASSESSORA DI ROMA SEMPLICE: DISATTESI IL REGOLAMENTO E LA PARTECIPAZIONE!

La storia.

L’assemblea capitolina – dopo anni di pressing dei comitati civici – il 14 maggio 2015 ha approvato il Regolamento che disciplina la localizzazione degli impianti di telefonia mobile a Roma (delibera 26/2015). In quella occasione ha votato a favore l’intero gruppo del M5S, compresa l’allora consigliera Virginia Raggi !

Ora, dall’insediamento della giunta Raggi ad oggi sono trascorsi oltre due anni e nessuna attività di attuazione del Regolamento è stata intrapresa, al punto che oggi più di prima Roma è ostaggio di migliaia di “protuberanze elettromagnetiche”, collocate senza alcun controllo in ogni angolo del territorio.

Ma vi è di più.

La sindaca Raggi ha recentemente sottoscritto con Fastweb un protocollo per introdurre nella Capitale la tecnologia 5G che – come è noto – per essere operativa necessita di micro antenne in quantità smisurata, dislocate dappertutto !

Per cui, sorge spontanea la domanda: se ancora non sono state regolamentate le antenne preesistenti, liberando le aree c.d. sensibili dal rischio dell’elettrosmog, come si può pretendere di gestire in maniera virtuosa gli innumerevoli impianti che a breve pioveranno sulle nostre teste?

Infine, l’assessora per Roma Semplice, Flavia Marzano, ha promosso un tavolo per lo sviluppo delle reti di nuova generazione, invitando esclusivamente gli operatori TLC.

Abbiamo pertanto inviato una nota alla assessora, segnalando che la giunta che lei e la sindaca rappresentano, oltre ad essere in difetto per aver omesso finora di applicare il Regolamento, sta disattendendo un altro principio caro al M5S, quello della Partecipazione, in quanto si escludono dal citato tavolo i comitati cittadini, protagonisti, questi sì, di una stagione di cambiamento !

Ad oggi nessuna risposta.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *