Roma contro l'Elettrosmog

TECNOLOGIA 5G: ECCO COME GLI OPERATORI TLC AGGIRANO LA FASE DELLA SPERIMENTAZIONE AVVALENDOSI DELLE SEMPLIFICAZIONI LEGISLATIVE

Lo si apprende dal Rapporto Ambiente SNPA 2018 con riferimento alla sperimentazione sull’utilizzo della tecnologia 5G per la telefonia mobile a Milano.

In base alle caratteristiche del nuovo sistema, Arpa e Vodafone, l’operatore che ha ricevuto dal MISE nel 2017 i diritti d’uso delle frequenze da 3.7 a 3.8 GHz per la sperimentazione del 5G nella città di Milano, hanno convenuto che, ai fini del regime autorizzativo per lo sviluppo della nuova rete, sarà sufficiente avvalersi della “comunicazione ex art. 35, comma 4, della legge n. 111 del 15 luglio 2011”.

Cosa recita l’art. 35, nel frattempo sostituito dall’art. 14, comma 10-ter, della legge n. 221/2012.?  “Al fine di agevolare la diffusione della banda ultralarga in qualsiasi tecnologia e di ridurre i relativi adempimenti amministrativi, sono soggette ad autocertificazione di attivazione….le installazioni e le modifiche delle caratteristiche trasmissive degli impianti di cui all’art. 87-bis….con potenza in singola antenna inferiore o uguale a 10 watt e con dimensione della superficie radiante non superiore a 0,5 metri quadrati”.

Ora, poiché dalle stime tecniche effettuate congiuntamente da Arpa e Vodafone  risulta che la potenza massima delle antenne in 5G sarebbe pari a 8,5 watt, associata a dimensioni inferiori a 0,5 metri quadrati, per tali impianti si applica il parametro di semplificazione previsto dall’art. 35 citato.

Così anche la tecnologia 5G, superato il vaglio (?) dei pareri sanitari, mai rilasciati dagli enti preposti, si appresta ad essere diffusa in termini di migliaia e migliaia di antenne nelle nostre città, attraverso una semplice autocertificazione amministrativa, autoprodotta dallo stesso operatore che installa i ripetitori sui palazzi, nelle strade e in ogni angolo del territorio urbano ed extraurbano!

In tal modo le infrastrutture del 5G, quando entrerà a regime la tecnologia che le supporta, si moltiplicheranno silenziosamente e velocemente nelle nostre città, senza che qualcuno (enti locali, comitati, cittadini) possa intervenire ad ostacolare tale processo.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *